Nessuna esigenza cautelare. Il riesame libera Alfredo Romeo. La difesa: un assalto feroce fondato sui pregiudizi

A distanza di circa 6 mesi dall’assurdo quanto largamente pubblicizzato, arresto dell’avv. Alfredo Romeo, il Tribunale del riesame di Roma, in sede di rinvio, dopo l’annullamento della Suprema Corte che aveva accolto il ricorso della difesa su diversi punti di doglianza, ha finalmente liberato l’avv. Romeo, annullando in modo tombale l’ordinanza cautelare eseguita il 1 marzo 2017, su ordine del “precipitoso” GIP di Roma.

I difensori, avv. Alfredo Sorge e Francesco Carotenuto, vogliono sottolineare che anche l’azienda Romeo Gestioni S.p.A., raggiunta da misura cautelare in fase preliminare, è ora priva di qualunque prescrizione di natura penale, avendo sancito il Tribunale di Roma, circa una settimana fa con autonomo provvedimento, la revoca dell’interdizione comminata dal medesimo GIP che aveva disposto l’arresto dell’avv. Romeo, sottolineando la solidità e la trasparenza delle Società del gruppo Romeo, additate per mesi, in modo diffamatorio, come facenti parte di un “famigerato sistema”, che la stessa Cassazione ha definito come inesistente e frutto di una fantasiosa ipotesi investigativa mai riscontrata nei fatti.

La liberazione di oggi, riporta finalmente il quadro giudiziario che riguarda l’Avv. Romeo in equilibrio, in vista del processo ed in cui questa difesa dimostrerà l’assoluta inconsistenza dell’accusa mossa al proprio assistito, frutto di un teorema privo di qualunque fondamento logico e giuridico.

E’ bene ricordare che in questi mesi l’avv. Romeo, la sua famiglia e le sue aziende sono stati sottoposti ad un fuoco di fila di notizie infondate, false e diffamatorie che hanno rappresentato la triste immagine riprodotta dalla Procura di Napoli dell’imprenditore del Sud che se vincente non può essere anche “pulito”, che se porta al successo le sue aziende non è perché attorniato da una squadra vincente, ma per non precisati e precisabili motivi illeciti.

Un canovaccio triste solcato da invidie nazionali e da pressioni economiche dei gruppi imprenditoriali egemoni anche stranieri, più volte peraltro denunciate negli anni dalla Romeo S.p.A., a cui, purtroppo, l’organo inquirente campano non è stato impermeabile, come invece ha dimostrato di essere la Suprema Corte di Cassazione che ha giudicato solo in diritto, come dovrebbe essere, la vicenda e i punti critici che la difesa aveva costantemente evidenziato.

E’ opportuno ribadire che l’avv. Romeo, la sua famiglia e i suoi dipendenti sono stati sottoposti ad un’indagine della Procura di Napoli, senza precedenti, durata 4 anni, con metodi riservati, secondo la legge e secondo quanto ha scritto nella sua sentenza di annullamento con rinvio la Suprema Corte di Cassazione, ai più pericolosi criminali e terroristi, senza che sin dalla genesi dell’indagine ci fosse il benché minimo indizio di reati per cui quegli strumenti potessero essere usati, ed anzi piegando il codice di procedura penale ai propri desiderata; basti ricordare che l’avv. Romeo e la sua famiglia sono stati intercettati, addirittura durante un viaggio di piacere, su un aereo di linea ALITALIA diretto all’estero, fatto senza precedenti ad avviso di questa difesa, tenuto conto delle ipotesi di reato che a monte erano ipotizzabili.

La Suprema Corte di Cassazione, prima, il tribunale ordinario poi e il Tribunale del Riesame di Roma oggi in sede di rinvio, con il loro triplice verdetto di annullamenti, hanno censurato duramente questo modo di procedere, stabilendo la inosservanza della legge in molti passaggi di un’indagine che, lo si ricorda, oggi vede indagati gli stessi autori di quel piano investigativo per gravi reati di falso – reati per cui l’avv. Romeo e la Romeo Gestioni è parte lesa – , statuendo che non solo non esiste un sistema Romeo e che non esistevano ab origine, i presupposti per una detenzione in carcere, ma che in questa vicenda si è costruito un castello di carte privo di qualunque fondamento indiziario e giuridico, addirittura manipolando e falsificando il materiale di indagine pur di arrivare a provare quel teorema di accusa, per motivi che questa difesa ignora ma che certamente non possono lasciare sereni nessuno.

La difesa accoglie con grande soddisfazione la vittoria definitiva su tanti punti critici che sin da subito aveva sottolineato, e il ristabilirsi di una sana e regolare dialettica processuale, l’unica possibile in uno stato di diritto. Fiducioso nella legge e nel rispetto della magistratura il collegio difensivo continuerà il suo lavoro nelle aule di giustizia, unici luoghi deputati alla ricerca della verità ed in cui è certa l’innocenza del nostro assistito verrà provata al di là di ogni ragionevole dubbio.

Avv. Alfredo Sorge
Avv. Francesco Carotenuto

Il tribunale di Roma revoca lo stop alle gare pubbliche – RASSEGNA STAMPA

Il Giudice del tribunale di Roma ha respinto in maniera definitiva la richiesta di interdittiva per la Romeo Gestioni. I dipendenti dell’azienda possono finalmente lavorare.
Di seguito l’articolo di Titti Beneduce pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno di oggi:

ACFrOgAGY9WiKmHf1JHAsf7uYyxeidZKr70D7wf8P7deae2Csr_IUuvL7E2bfh-MBUrEeDr4XnJaoMEaYQd-tae0lSAssVe7Isql8qSWzgA9HEBjssa056BN-v8-djQ=

(Staff)

Consip, la Cassazione accoglie il ricorso di Alfredo Romeo – Rassegna Stampa

La Cassazione ha accolto in parte il ricorso di Alfredo Romeo. La suprema corte ha evidenziato dubbi sul “metodo” Romeo e sulla sua capacità di inflitrazione, tale da giustificare il pericolo di reiterazione del reato. Secondo i giudici, anche l’arresto di Alfredo Romeo non sarebbe stato motivato in maniera adeguata. Di seguito una rassegna stampa sul tema, dove vengono evidenziati i diversi punti toccati dalla Cassazione:

 

3
ACFrOgD2W5zZBA7Lqb_M3mDNAK3tjz7DKP6irTUpK8wL_FdjrgzOtZ-wkQ854V-Um2FgyT8QS8WuKR5QAM-_8UXm4D7lrfI9x_lNad1n2hzLrVdweo_eola7UB8cWxs=

 

In questo articolo de Il Mattino, invece, Massimo Adinolfi descrive la sentenza della Cassazione come una “lezione di diritto e di storia”:

ACFrOgD7GLGfyTQu5knYKuWr7zdtJMqd3kTojr9V-IqFdqG6TQnZU3apmy0PwWL1AjWHHFsYmEBaq5_-mD3Z5z0unt6k-_4LUD6b7aAfvw-gmdBsVw781CkK05X9NtY=

(Staff)

Comunicato Stampa: Il GIP Conferma Romeo Gestioni pienamente operativa

Di seguito la nota inviata alla stampa con la posizione ufficiale della Romeo Gestioni

Napoli, 21 giugno 2017
Il GIP conferma: Romeo Gestioni pienamente operativa

Con un documento ufficiale notificato il 20 giugno scorso, il Gip di Roma, dottor Gaspare Sturzo, ha confermato la sospensione di ogni interdittiva per la Romeo Gestioni.

Decisione ratificata in seguito all’asseveramento che il piano strategico di intervento su obiettivi e procedure relative all’organizzazione del lavoro, è pienamente corrispondente alle indicazioni a suo tempo avanzate dallo stesso GIP.

Romeo Gestioni è dunque pienamente operativa, nella convinzione che il piano – per come approvato – sarà del tutto implementato nelle prossime settimane, secondo un preciso scadenzario.

Non ci sono dunque restrizioni di alcun tipo nelle relazioni tra Romeo Gestoni e le Pubbliche Amministrazioni. Ragione in più per sottolineare con ancor più vigore il fatto che Consip ha commesso un abuso amministrativo escludendo Romeo Gestioni dalla gara FM4.

Abuso di fatto che – al netto delle vicende politiche che coinvolgono la centrale acquisti del Ministero delle Finanze – è maturato su presupposti già censurati e cioè:

– Una decisione presa in una fase di procedimento preventivo e cautelare e dunque senza che ci sia alcun giudicato, di alcun grado giudiziario, che sancisca una qualche responsabilità o colpevolezza su qualsivoglia tema da parte di Romeo Gestioni.

– Una decisione presa in dispetto della sentenza della Cassazione che ha rinviato a nuovo Riesame l’arresto di Alfredo Romeo, per vizi accertati di cui non si hanno ancora le motivazioni.

– Un provvedimento, quello di Consip, che contrasta e scavalca la decisione del GIP di Roma, dottor Gaspare Sturzo, il quale – come visto – ha sospeso ogni decisione nei confronti di Romeo Gestioni.

– Un provvedimento, infine, firmato dall’amministratore delegato di Consip, Luigi Marroni, che dagli atti del processo, risulta non aver tempestivamente denunciato all’Autorità Giudiziaria pesanti pressioni nei suoi confronti da parte di concorrenti di Romeo Gestioni. Fatti da lui stesso confermati come persona informata dei fatti e che hanno scatenato la bagarre politica in corso su Consip.

Romeo Gestioni – ancor più dopo la ratifica della sospensione dell’interdittiva – conferma che avverso il provvedimento di Consip agirà in tutte le sedi penali, civili e amministrative a propria difesa.

Romeo Gestioni SpA
(Lo Staff)

Comunicato Stampa: Romeo Gestioni, un abuso di Consip l’esclusione dalla gara FM4

Di seguito la nota inviata alla stampa con la posizione ufficiale della Romeo Gestioni sull’esclusione dalla gara FM4.

Napoli, 16 giugno 2017 

Apprendiamo con stupore e profonda preoccupazione e respingiamo con fermezza il provvedimento di Consip di escludere Romeo Gestioni dalla gara FM4.

Una decisione presa in una fase di procedimento preventivo e cautelare e dunque senza che ci sia alcun giudicato, di alcun grado giudiziario, che sancisca una qualche responsabilità o colpevolezza su qualsivoglia tema da parte di Romeo Gestioni.

Una decisione presa in dispetto della sentenza della Cassazione che ha cancellato il provvedimento di arresto di Alfredo Romeo, con rinvio a nuovo Tribunale del Riesame, per vizi accertati di cui non si hanno ancora le motivazioni.

Un provvedimento, quello di Consip, che contrasta e scavalca la decisione del GIP di Roma, che ha sospeso ogni decisione nei confronti di Romeo Gestioni fino alla data del 31 luglio prossimo.

Un provvedimento, infine, firmato dall’amministratore delegato di Consip che, dagli atti del processo, risulta non aver tempestivamente denunciato all’Autorità Giudiziaria pesanti pressioni nei suoi confronti da parte di concorrenti di Romeo Gestioni. Fatti da lui stesso confermati come persona informata dei fatti.

Avverso il provvedimento di Consip, Romeo Gestioni agirà in tutte le sedi penali, civili e amministrative a difesa della propria immagine e dei propri interessi.

Romeo Gestioni SpA
(Lo staff)

Caso Consip, rassegna stampa del 12 aprile

In merito alle notizie degli ultimi giorni, pubblichiamo una rassegna stampa degli articoli più significativi di quotidiani online e cartacei.

In questo articolo de Il Mattino dell’11 aprile si spiega il motivo del ricorso degli avvocati di Alfredo Romeo per la vicenda dei “pizzini”:

ACFrOgAN45RvAXiT0m3gXuDMLZZ3bbbrC8cPMoACkxQOCt_to0zWcd5Ec1SQB9Z9Pam8iwUstypGuo74RpP59fwvs8W14_A73FY7juXAJvo506ZFmT-IujdD44UJCLM=

Mentre sul quotidiano Il Golfo, le prime notizie sulle ipotesio di falso sull’interpretazione delle intercettazioni:

golfo

Il Corriere del Mezzogiorno dedica invece un approfondimento sul tema:

ACFrOgDuv1N-YUAV5b43F3hJmddalQ2T4QuKvInL8RwVdwCkBMNXsKrxeZ0Q8G9EjujEYb25XOvgRIneU1E_tIAx8Q5JNWqw6UDLEBWAJOVXBgs1nfbU8-XfiJq6uuo=

In questo editoriale, Massimo Adinolfi affronta il problema della “mala giustizia”:

Romeo-Locale20170411_002-10-11

Mentre Francesco Pacifico racconta quale è la vera situazione del Gruppo Romeo a seguito delle vicende giudiziarie:

Romeo-Locale20170411_002-4-6

Un ispirato editoriale di Nicola Quatrano sui conflitti interni dei procedimenti:

Romeo Locale20170409_001-28-29

Infine un’intervista a Annalisa Chirico, presidente di “Fino a prova contraria”, movimento di sensibilizzazione e promozione per una riforma giudiziaria: “Il caso Consip è la prova che inchioda la giustizia politicizzata ed il giornalismo da trascrizione“.

(Lo Staff)

La Difesa di Romeo: Ecco i bonifici per comprare il palazzo nel centro di Londra. Tutto trasparente, tutte le carte sono a disposizione degli inquirenti

Il Collegio difensivo dell’avvocato Alfredo Romeo, composto dagli avvocati Francesco Carotenuto, Giovan Battista Vignola e Alfredo Sorge ha diffuso la seguente nota congiunta per la stampa riguardo i fondi spostati a Londra e gli sviluppi sulla vicenda Consip:

Napoli, 8 marzo 2017

Sulle assurde notizie riguardanti i presunti movimenti irregolari di denaro all’estero, va detto quanto segue:

– I trasferimenti di fondi a Londra erano tutti destinati all’acquisto dell’intera e assoluta proprietà di un importante cespite nel pieno centro di Londra, in Park Lane, di cui alleghiamo foto.

– Tutti i trasferimenti sono stati di una assoluta trasparenza. E per la precisione

– Disposizione da parte di Romeo Partecipazioni – il 23 novembre 2015 – di bonifico per un importo di £/sterlina 8.270.000 (pari a euro 11.871.046,27) a favore della Forsters LLP, quale acconto per l’acquisto dell’immobile.

– Disposizione di bonifico – il 4 dicembre 2015 – di sterline 78.000.000,00 (pari a euro 108.725.954,84) a favore di Romeo London ai fini del saldo dell’acquisto dell’immobile, che è stato effettuato il 15 dicembre 2015 per un importo di £sterline 77.757.930,32.

– Le uniche entrate nella Romeo London sono quelle derivanti dai canoni in essere nello stesso fabbricato acquistato.

– Non ci sono dunque movimenti “strani” di denaro: diversamente sarebbe il primo caso di costituzione di fondi irregolari all’estero fatta con un bonifico internazionale garantito e certificato da banche.

– E’ tale la trasparenza e la chiarezza di tale operazione, che sin da ora il Gruppo Romeo e la società Romeo London sono pronte a fornire qualunque documentazione su questa vicenda a qualsiasi Autorità Giudiziaria.

Quanto all’inchiesta Consip, il collegio di Difesa specifica che:

– L’avvocato Alfredo Romeo non conosce Luca Lotti né Tiziano Renzi. Né ha mai conosciuto i generali Del Sette e Saltalamacchia. Né, meno ancora, alcuno dei componenti delle commissioni aggiudicatrici dei bandi di gara Consip.

– L’avvocato Romeo non ha mai dato soldi a nessuno.

– Alfredo Romeo e Romeo Gestioni non sono beneficiari di alcuna gara tra quelle aggiudicate da Consip nel periodo sotto osservazione dei magistrati.

– Alfredo Romeo e Romeo Gestioni si ritengono gravemente danneggiati nello svolgimento di almeno tre gare indette da Consip: “Energia”, “Pulizia Scolastica” e “Luce”.

– I suddetti lotti sarebbero stati poi assegnati a imprese che – si legge sulla stampa – risultano essere legate a personaggi politici. Le stesse imprese erano quelle denunciate con esposti da Romeo Gestioni, prima ancora che vi fossero le graduatorie.

– L’avvocato Romeo e Romeo Gestioni si considerano anche danneggiati nelle valutazioni discrezionali di Consip relative alle graduatorie dei lotti “Lombardia” e “Roma Municipio 1” nell’ambito della gara nota come FM4.

Indagini fuori norma, procedure alterate, prove inutilizzabili: Alfredo Romeo va immediatamente rilasciato – NOTA PER LA STAMPA

Pubblichiamo una memoria consegnata al GIP che contesta l’approccio investigativo a carico dell’imprenditore e la custodia cautelare. Gli avvocati di Alfredo Romeo hanno presentato istanza al Tribunale del Riesame di Roma: “Romeo non è un corruttore, anzi è persona offesa: basta vedere i suoi esposti in Consip e all’Anac“. C’è stata una incredibile interpretazione nelle intercettazioni, l’esperto di cleaning è diventato l’esperto di crimine.

Napoli 6 marzo 2017

Il Collegio difensivo dell’avvocato Alfredo Romeo, composto dagli avvocati Giovan Battista Vignola, Francesco Carotenuto e Alfredo Sorge ha diffuso la seguente nota congiunta per la stampa:

L’avvocato Alfredo Romeo si è avvalso della facoltà di non rispondere al GIP di Roma, Gaspare Sturzo, nel corso dell’interrogatorio di garanzia di questa mattina.

Il nostro assistito ha affidato la sua versione dei fatti ad una nostra articolata memoria difensiva, già depositata al Pm di Napoli ed alla Procura di Roma, ma va subito detto che Romeo non era privilegiato da Consip, ma anzi era emarginato. Al punto che ha presentato un esposto, in Consip e per conoscenza all’Anac e all’Antitrust, nell’aprile del 2016.

Ora siamo in attesa della fissazione della udienza innanzi al Tribunale del Riesame.

Ma contestualmente abbiamo avanzato – sempre in data odierna – istanza di revoca della Misura cautelare in atto, sulla base di numerose violazioni ed anomalie sostanziali e processuali, come si potrà evincere dall’atto che alleghiamo per conoscenza.

Infatti nella documentazione del GIP mancano soprattutto gli atti, in possesso della Procura della Repubblica di Napoli, che avrebbero permesso alla difesa dell’avvocato Romeo il controllo sul corretto svolgimento del percorso processuale che ha portato agli atti ed alle attività processuali confluite nel presente processo, in particolare per quanto attiene alla iniziale “notitia criminis” che ha permesso al PM partenopeo di iscrivere l’indagato nel registro delle notizie di reato ex art. 335 c.p.p. ed alla conseguente emanazione e successione dei decreti autorizzativi delle intercettazioni, adottando la normativa in materia antimafia.

Infatti tra le macroscopiche anomalie processuali va evidenziato che le intercettazioni telefoniche ed ambientali per gravi reati di stampo mafioso ipotizzati, hanno avuto avvio – e si sono susseguite – sulla base di un equivoco in ordine all’ascolto di una frase di uno dei dipendenti del gruppo che è un esperto di “cleaning” (servizi di pulizia), il quale viene ripetutamente riportato nelle informative e nelle richieste del  PM come “l’esperto del crimine” della Romeo.

Del tutto inutilizzabili poi risultano, tanto le intercettazioni ambientali e telefoniche, quanto i documenti denominati “pizzino” acquisiti al di fuori di ogni regola processuale.

Omissioni, incoerenze e discrasie temporali, dunque, non solo rilevanti sulla legittimità del procedimento sotto il profilo formale; ma fondamentali sotto il profilo sostanziale, perché solo attraverso la verifica delle autorizzazioni delle intercettazioni, potrà valutarsene o meno l’attendibilità e l’utilizzabilità.

In presenza di tali discrasie, incoerenze e omissioni, uniti alle perplessità manifestate dagli stessi PM romani in merito alla legittimità dei comportamenti investigativi finora tenuti nell’espletamento delle indagini (al punto da spingerli a revocare le indagini stesse ai carabinieri del NOE – cioè proprio quegli investigatori che finora hanno effettuato gran parte delle indagini – e ad aprire un fascicolo contro ignoti per l’abnorme diffusione di notizie a norma di legge coperte da segreto istruttorio), l’avvocato Romeo non è stato posto in condizione di difendersi compiutamente e, pertanto, è stato costretto ad avvalersi della facoltà di non rispondere, anche per la strumentalizzazione mediatica e politica in atto, di cui si ritiene vittima.

Basterebbe ricordare, a tal proposito, che il primo marzo scorso, giorno dell’arresto dell’avvocato Romeo, il primo “lancio” di agenzia ANSA era in rete alle 8,13 del mattino, ma che molti siti di giornali già riportavano dalle 8 – 8,10 la notizia a tutta pagina on-line (e con amplissimi dettagli della ordinanza). Cioè, di fatto, contestualmente al momento in cui i carabinieri hanno bussato alla porte dell’avvocato Romeo.

Il Collegio Difensivo
Giovan Battista Vignola
Francesco Carotenuto
Alfredo Sorge

Il giudice e la cultura del limite, un convegno sullo stato della magistratura in Italia

In occasione dell’inaugurazione dell’Anno giudiziario dei penalisti italiani, lo scorso weekend a Matera si è tenuto il convegno “Il giudice e la cultura del limite” organizzato dall’Unione delle Camere Penali Italiane.

Si è parlato (qui il video) di equilibrio e limiti  della magistratura, con interessanti spunti su come migliorare il sistema della giustizia in Italia. Un sistema che troppo spesso pone veti alla politica e al mondo dell’imprenditoria, facendo un uso “estremo” del proprio potere. Fra gli ospiti, accademici, esponenti delle istituzioni e della magistratura.

Sono intervenuti: Giuseppe D’Addezio (presidente della Camera Penale di Basilicata), Vincenzo Bonafine (presidente della Camera Penale di Lagonegro), Rosa Patrizia Sinisi (presidente della Corte d’Appello di Potenza), Nicola Rocco (presidente dell’Ordine degli avvocati di Matera), Enrico Costa (ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Area Popolare-NCD-Centristi per l’Italia), Cosimo Ferri (sottosegretario di Stato del Ministero della Giustizia), Francesco Petrelli (segretario dell’Unione delle Camere Penali Italiane), Biagio De Giovanni (professore emerito di Filosofia politica presso L’Università degli Studi di Napoli L’Orientale), Eriberto Rosso (presidente della Camera Penale di Firenze), Ennio Amodio (professore emerito di Procedura penale presso l’Università di Milano), Lia Sava (procuratore della Repubblica aggiunto presso la Direzione distrettuale Antimafia di Caltanissetta), Vittorio Manes (professore di Diritto penale presso l’Università degli studi di Bologna), Giovanni Canzio (primo presidente della Corte Suprema di Cassazione), Gaetano Insolera (professore ordinario di Diritto Penale presso l’Università di Bologna), Beniamino Migliucci (presidente dell’Unione delle Camere Penali Italiane), Oreste Dominioni (professore ordinario di Diritto processuale penale presso l’Università Statale di Milano), Armando Spataro (procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino), Armando Veneto (presidente del Consiglio dei presidenti delle Camere penali italiane).

BACK