Le due politiche che mancano per il rilancio del Real Estate italiano

Come rilanciare il Real Estate italiano? Come aggiornare un mercato che si è impelagato in una attesa antiquata e provinciale di strumenti, senza attivarsi per chiedere in condizioni di impellenza strumenti normativi che facilitassero innovazione?

La risposta è banale ma decisiva: serve la politica. Anzi due politiche. Una, di settore, che in modo coordinato e coerente chieda una normativa che faciliti e imponga la modernizzazione e la concorrenza. E un’altra, quella legislativa ed esecutiva nazionale, che non si fermi alle intenzioni, ma acceleri sulla strutturazione di nuove e sicure regole di mercato.
Read More

La risposta della Romeo Gestioni all’assessore Fucito: “Fa solo campagna elettorale”

Di seguito la risposta della Romeo Gestioni all’assessore al Patrimonio del Comune di Napoli, Sandro Fucito in merito alla questione del cambio di gestione del patrimonio cittadino.

E’ polemica a distanza fra la Romeo Gestioni e Sandro Fucito, assessore al Patrimonio del Comune di Napoli. L’esponente della giunta De Magistris parla con IlDesk.it e traccia un bilancio dei costi del patrimonio immobiliare comunale dal momento dell’affidamento alla municipalizzata Napoli Servizi,  che ha chiuso la lunga stagione del rapporto tra il Comune e la Romeo.

L’azienda però replica con una lunga nota. “Su ilDesk.it del 2 maggio 2016, l’assessore Fucito – afferma la società -, pur di scaricare tre anni di inefficienza del Comune di Napoli e di Napoli Servizi sul vecchio gestore Romeo Gestioni, si esibisce in sorprendenti contorsionismi numerici sul patrimonio immobiliare di Napoli. La verità contabile certificata e asseverata dai verbali di riconsegna del Patrimonio – tra Romeo Gestioni e Comune di Napoli – è la seguente. Non è vero che Romeo Gestioni costava 15,5 milioni all’anno, ma 5 milioni all’anno oltre IVA per la gestione, più 3 milioni che il Comune stanziava (e non sempre l’ha fatto) per la manutenzione ordinaria su chiamata per guasto. Quindi 9 milioni compresa IVA. Quindi non è vero che si risparmiano 4,7 milioni all’anno con Napoli Servizi che costa 10,8 milioni all’anno come dice Fucito. E’ vero invece che si spendono circa 2 milioni di euro in più”. Read More

Il CNR entra nell’Osservatorio Risorsa Patrimonio Italia

È stato ratificato il protocollo di adesione del CNR all’Osservatorio Risorsa Patrimonio-Italia. L’accordo segue la pubblicazione del volume “Patrimonio Italia. La Risorsa”, presentato lo scorso 27 novembre a Roma durante il convegno “Gestire le città”.

L’accordo con il CNR è stato siglato insieme ai rappresentanti della Romeo Gestioni, società promotrice dell’Osservatorio, del Cresme-Consulting e di Nomisma, oltre naturalmente al delegato del presidente uscente del CNR, Luigi Nicolais. “Il Patrimonio rappresenta la vera grande opportunità per la ripresa economica del Paese, attraverso processi virtuosi di riqualificazione e valorizzazione, a largo raggio e a medio termine”, sono state le parole di Nicolais. Read More

Affittopoli vecchia politica, sfida per i nuovi sindaci

La lettera di Alfredo Romeo* pubblicata su Il Mattino del 12.02.2016

Caro direttore,
Il tema Affittopoli viene affrontato solo in chiave di scandalo, senza comprendere che si parla di un nodo cruciale e strategico, non per una città ma per tutto il Paese. Mi permetta dunque di porre un problema per il futuro a livello nazionale. Perché scoppia il caso delle case di pregio a Napoli, Roma, Milano? Banalmente perché nella gestione dei patrimoni immobiliari pubblici bisogna distinguere il profilo politico da quello meramente gestionale. Sotto il primo profilo vi stata sempre una continuità.

Read More

Con Romeo Gestioni la morosità inferiore al 10%

La lettera pubblicata su Il Mattino del 10.02.2016

Enrico Trombetta*
Gentile direttore, dal dicembre 2012 Romeo Gestioni ha concluso ogni tipo di rapporto con il Comune di Napoli per scadenza di contratto, il quale è stato chiuso con la regolare e certificata riconsegna delle attività all’Amministrazione. Tra queste anche un database informatizzato di 60 milioni di record, trasferito alla amministrazione nel formato Excel nel rigoroso rispetto di quanto dalla medesima amministrazione esplicitamente richiesto. Quello che poi il Comune non ha saputo utilizzare. Vediamo dunque la realtà dei fatti. Nel patrimonio di edilizia residenziale pubblica vivono circa 150.000 persone. Una enorme popolazione soggetta ad accadimenti che hanno un impatto diretto nel quotidiano aggiornamento dei canoni e che, ove non quotidianamente controllati, registrati e gestiti, impediscono qualunque corretta e sana amministrazione. Read More

Alfredo Romeo: senza regole certe non si costruisce il futuro

Oggi il Gruppo diretto da Alfredo Romeo fa affari ed esporta il suo modello di gestione in Arabia Saudita, Inghilterra e Spagna, mentre a Napoli l’amministrazione ha evitato di rispondere alle proposte riguardanti l’Insula dell’Antica Dogana.
Da oltre vent’anni manca una visione strategica su Bagnoli, area di cui si è ricominciato a parlare in tempi recenti, ma secondo Romeo, interpellato da Il Roma, c’è troppa burocrazia ed è difficile progettare interventi efficaci.
Probabilmente i cittadini di Napoli, alle prese ogni giorno con strade disastrate, rimpiangono il metodo Global Service, quel piano all’epoca demonizzato che avrebbe portato maggiore sicurezza in una città tra le più colpite dalla crisi economica.

Read More

Romeo Gestioni denuncia il Comune di Roma per violazioni delle norme sugli appalti

Le polemiche relative alla cosiddetta “affittopoli” capitolina non si placano, la causa sono le dichiarazioni dell’assessore al Patrimonio, Alessandra Cattoi, relative a un appalto per la riscossione degli affitti delle case popolari del Comune di Roma.

La Cattoi ha detto che l’appalto “è stato vinto provvisoriamente da Prelios che, secondo il contratto, dovrà occuparsi di adeguare gli affitti”, ma in realtà la gara è ancora in corso e l’attuale gestore vi sta partecipando.

Perciò Romeo Gestioni, l’impresa guidata da Alfredo Romeo che si occupa della riscossione affitti e della gestione degli alloggi popolari, ha presentato denuncia alla Procura della Repubblica capitolina per accertare eventuali violazioni delle norme sugli appalti.

Inoltre va ricordato che Roma Capitale ha provveduto ad adeguare i canoni d’affitto solo a giugno 2014 e ha risposto alle richieste del gestore sulle modalità di trattamento del processo a dicembre, sei mesi dopo, fissando gli importi degli affitti che fino a poco prima erano irrisori. Read More

La sentenza proclama l’innocenza di Romeo

Quando si è assolti per non aver commesso il fatto non si ottiene la stessa visibilità di quando si è indagati o condannati in primo grado: questo è un dato di fatto che moltissime persone conoscono.

Alla luce dei fatti si torna a parlare di Alfredo Romeo, perché se l’ultima parola spetta alla giustizia (con la sentenza della Corte di Cassazione la vicenda può considerarsi chiusa), la parola dei media pesa di più e non è facile convincere le persone che il cosiddetto “sistema Romeo” in realtà non è mai esistito.

Read More

BACK