Facility Management Day, intervista al presidente Alfredo Romeo

Intervista di Monitor Immobiliare ad Alfredo Romeo, presidente di IFMA Italia, in occasione del Facility Management Day a Milano.

“In Italia c’è molto da lavorare con il potere politico nel far comprendere un nuovo modo di gestire l’acquisizione dei servizi dalla pubblica amministrazione. Occorre fermarsi a una logica di gestione del territorio come strumento di sostenibilità economica.

Serve una classe nuova di manager del Facility. Cominciamo dal ‘Master per Facility Manager del Territorio’ di IFMA Italia che partirà nel 2017 e destinato a formare gli uomini del futuro urbano”.

Alfredo Romeo commenta la sua assoluzione: “Accuse del genere mettono a rischio posti di lavoro”

 

Di seguito, un’intervista ad Alfredo Romeo rilasciata per il sito Monitorimmobiliare, in seguito alla notizia dell’assoluzione definitiva da parte della Cassazione.

“Questa storia trae origine dalla transazione con la quale la mia azienda ha concesso al Comune di Napoli una dilazione di pagamento di crediti per 50 milioni, oltre interessi, fondati su ingiunzioni di pagamento divenute esecutive e garantite da pignoramenti su oltre cento immobili comunali, a fronte di una rateizzazione da parte del ricavato garantito da dismissioni di immobili del Patrimonio comunale. Grazie a quella dilazione di pagamento, dunque, l’Amministrazione De Magistris ha potuto anche mettere a bilancio oltre 108 milioni di euro, grazie alla dismissione di 3000 immobili del Patrimonio da noi effettuata in otto mesi”.

“Ottenuto questo risultato, però, l’Amministrazione De Magistris ha tentato di sottrarsi ai propri obblighi, benché il nostro credito fosse anche certificato dagli stessi dirigenti del Comune, per cui siamo stati costretti a congelare in apposito conto a garanzia i compensi dovuti, chiedendo contestualmente al Tribunale Civile di Napoli di pronunziarsi sulla vicenda. Un comportamento assolutamente trasparente a fronte del quale il Comune ha cercato di sottrarsi anche alle decisioni del giudice civile per avventurarsi temerariamente in un esposto alla Procura, in mancanza di valide ragioni giuridiche a giustificazione del proprio inadempimento. Per fortuna, non solo nostra, ma di tutto il mondo delle imprese di questo Paese, il sistema giudiziario ha retto, e la Cassazione ha confermato con formula piena la condizioni di una assoluta e oggettiva legittimità operativa, finanziaria ed etica della mia azienda, ribadendo che ‘il fatto non sussiste’”.

“Da cittadino sono sollevato e sereno. Da imprenditore sono preoccupato, perché questa storia evidenzia ancora una volta l’esigenza di una certezza nell’interpretazione delle norme, che ne impedisca un uso strumentale e ideologico. Trucchi e comportamenti spregiudicati del genere, adottati da un sindaco come De Magistris nella gestione della cosa pubblica, infatti, danneggiano il mondo delle imprese e le regole di un efficiente e trasparente sistema economico”.

“Chiedo infatti che si faccia una banale riflessione di carattere generale: quante aziende sarebbero sopravvissute a un’accusa così grave e temeraria, e al blocco di una cifra così ingente? Se il nostro Gruppo fosse stato meno solido, quanti posti di lavoro sarebbero stati messi a rischio per una manovra così infondata e al tempo stesso iniqua? Chi ci avrebbe risarcito? Non certo l’Amministrazione De Magistris”.

“Chiudo evidenziando che questa vicenda sottolinea per l’ennesima volta che Burocrazia e Giustizia sono temi centrali per un rinnovamento del Paese”.

Alfredo Romeo

6 maggio 2016

Read More

Romeo: «Napoli lasciata senza servizi, non c’è visione del futuro» – Intervista a Il Mattino

“Vuol sapere qual è la questione che nessuno vuole affrontare seriamente? Che anche la politica deve ricominciare a selezionare una classe dirigente credibile e affidabile. Soprattutto per gestire le città, che sono il centro vitale strategico per salvare il Paese. E per far questo, bisogna lavorare sull’idea che le città sono come aziende, che da una parte riscuotono commesse e denaro dai cittadini, ma che dall’altro devono correttamente e onestamente rispettare questi contratti con i cittadini, dando loro la merce promessa, e cioè i servizi”.
Avvocato Romeo, lei sta volando alto. A Napoli i servizi sono visti come delle grazie ricevute. «E le tasse come semplici multe, una penale pagata in cambio di niente».

Alfredo Romeo, leader del gruppo omonimo, è fresco di dibattito sulla gestione delle città, dopo un seminario nazionale del suo Osservatorio Risorsa Patrimonio-Italia (costituito da Romeo Gestioni, Cresme-Consulting e Nomisma), al quale ha partecipato anche il presidente dell’Anticorruzione, Raffaele Cantone. «È stata una discussione aperta» commenta l’imprenditore dal terrazzo del suo albergo di fronte al porto «che ha evidenziato i ritardi di mentalità della pubblica amministrazione, delle norme, del mercato nel suo complesso che non sa avanzare modelli innovativi. Il nodo di come deve essere interpretata e gestita la città oggi, e quali servizi essa è in grado di offrire, è centrale, perché è lì che si gioca la qualità della vita e il futuro economico delle stesse città e quindi del Paese».

Perché in Italia si fa fatica a passare questi concetti?
«Purtroppo i nostri sindaci, a partire da Luigi de Magistris, non sembrano capirlo. Per questo l’Osservatorio, fondato da Romeo gestioni, ha l’obiettivo di studiare questi problemi e di proporre soluzioni innovative nel senso dell’efficienza, della economicità e della correttezza».

Affrontiamo subito il tema più ruvido. Ma non è che lei ce l’ha con de Magistris perché con lui a Palazzo San Giacomo non le è stato rinnovata la gestione del patrimonio comunale?
«La gestione del patrimonio comunale di Napoli rappresentava appena il 5 per cento del fatturato del Gruppo. De Magistris ha scelto l’internalizzazione della gestione, invece di fare una gara internazionale, puntando su progetti e qualità. È stata una scelta per niente rivoluzionaria, anzi solo populista. Il risultato è che ora il patrimonio è gestito senza un reale know-how e il Comune incassa solo 12 milioni rispetto ai 42 del passato».

Ma tutte le amministrazioni cittadine erogano servizi anche se in modo altalenante.
«Lo fanno poche città, e sempre peggio. Per far ripartire l’Italia occorre invece trasformare le città in laboratori di civiltà. Si faccia una passeggiata immaginaria dalla stazione o dal porto verso il centro o viceversa. Che cosa vorrebbe, banalmente, in cambio delle tasse più alte d’Italia che lei paga? Uscire dalla stazione senza essere aggredito da una torma di tassisti. Poi vorrebbe camminare per strade illuminate, possibilmente senza cadere in una buca o senza rischiare di essere investito sulle strisce. Vorrebbe marciapiedi puliti. Vorrebbe trovare un autobus che la porti in un tempo standard da una parte all’altra, con la possibilità di trovare facilmente il biglietto. Vorrebbe vedere attenzione, cura, amore, efficienza, competenza nella gestione della cosa pubblica. Invece niente: prevalgono approssimazione e precarietà».

Ma lei cosa propone?
«Non voglio trasformate Napoli in Losanna, che è triste e grigia, ma che funziona. Vorrei, però, che si facesse attenzione a come si danno le deleghe di governo della città. Vorrei, come cittadino, poter decidere il profilo della mia dirigenza, come se fossi parte di un consiglio di amministrazione che valuta curricula e capacità del mio amministratore. Lo sottoporrei a un decalogo di regole e domande».

Paolo Treccagnoli

Intervista pubblicata su Il Mattino del 27/12/2015

Intervista al Fatto Quotidiano del 16.05.2015

L’imprenditore Alfredo Romeo: “Ai pm serve onestà, altro che responsabilità civile”. L’intervista di Marco Travaglio per Il Fatto Quotidiano del 16 maggio 2015.

Avvocato Alfredo Romeo, lei ha fatto 79 giorni a Poggioreale, poi è stato condannato in primo e secondo grado, infine assolto in Cassazione nel processo di Napoli sugli appalti pubblici a una delle sue società. Ora, specie alla luce del caso Chieti, si torna a discutere della nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati. Lei, se fosse stata in vigore in precedenza, che avrebbe fatto? Avrebbe denunciato lo Stato, e dunque indirettamente i “suoi” magistrati?
Read More

Alfredo Romeo e gli errori della magistratura

In seguito alla sentenza della Cassazione che ha respinto il ricorso della procura sull’inchiesta “Global Service”, è il caso di fare qualche riflessione sulle responsabilità dei magistrati e su questa sentenza storica, che annulla 22 reati e, di fatto, cancella un’intera inchiesta. Alfredo Romeo, intervistato da Il Tempo, ha voluto ricordare Giorgio Nugnes, che si tolse la vita perché non riusciva a sopportare di essere stato coinvolto nell’inchiesta essendo innocente.

Read More

Alfredo Romeo, parlano i fatti il resto non conta

In pochi hanno sentito parlare di “scienza dei servizi”; è il concetto spiegato dall’imprenditore Alfredo Romeo che riassume le capacità di quelle aziende che hanno le competenze giuste, fanno risparmiare risorse e creano occupazione.

Le parole di Romeo, raccolte dal quotidiano Il Giornale nello Speciale Edilizia, descrivono efficacemente il suo gruppo immobiliare e le reazioni che spesso hanno le amministrazioni pubbliche. Lo sconcerto è molto comune poiché le soluzioni presentate da Romeo sono inedite e molto distanti dagli accordi presi negli anni precedenti. Read More

Alfredo Romeo spiega il facility urbano

L’attività caratteristica del Gruppo Romeo ha sempre avuto una forte caratterizzazione con la gestione del patrimonio immobiliare pubblico e quindi una capillare presenza sul territorio e conoscenza dello stesso. È ipotizzabile e concretamente realizzabile passare da una fase di semplice gestione ad una di valorizzazione?

Noi abbiamo iniziato circa trent’anni fa a pensare alla valorizzazione del territorio. Solo che i tempi non erano maturi per un’idea così innovativa, oserei dire rivoluzionaria. E dunque abbiamo iniziato a pensare ai “segmenti” di questo processo: il Property per cominciare. Anche solo quella era una rivoluzione, e cominciando a gestire in particolare un patrimonio immobiliare complesso (per struttura e contesto) come quello di Napoli, abbiamo di fatto creato dal nulla processi, sistemi, tecnologie, know-how e valore.

Read More

BACK